Femminicidio. Lucha y Siesta: grazie a Boldrini, Raggi non sgomberi


Femminicidio. Lucha y Siesta: grazie a Boldrini, Raggi non sgomberi

Date: 13 Nov, 2019  Nessun commento

Roma, 11 novembre 2019 – «Ringraziamo vivamente la presa di posizione pubblica della deputata Laura Boldrini, che con una lettera indirizzata alla Sindaca Raggi chiede che si prenda atto del lavoro svolto da Lucha y Siesta in questi anni, per le donne e per il quartiere facendosi carico anche della difficoltà del settore pubblico a garantire servizi adeguati. Ricordiamo infatti che, in tema di accoglienza per le donne che hanno subito violenza e dei percorsi di fuoriuscita, il Comune di Roma fornisce solo 37 posti, di cui 14 presso la struttura di Lucha y Siesta, a fronte di un fabbisogno pari a 300.

Un fatto oggettivo che preoccupa l’Europa e le Nazioni Unite. Il contrasto alla violenza di genere,d’altronde, si fa nei fatti e dunque ringraziamo, insieme a Boldrini, tutte le rappresentanti istituzionali che in questi mesi hanno manifestato la loro attenzione e la loro preoccupazione per le sorti del servizio e delle donne che lo attraversano. Ma, soprattutto, ringraziamo lo sforzo che fanno le associazioni che da anni lavorano contro la violenza, con poche risorse e scarso riconoscimento, e ringraziamo il movimento Nonunadimeno che con determinazione porta tutti i giorni sull’agenda politica la dimensione complessa del fenomeno della violenza maschile sulle donne. Ci uniamo dunque alla richiesta di un protagonismo della Sindaca accanto alle donne della sua città. La minaccia di un distacco delle utenze da qui a 48 ore è uno schiaffo a quante hanno subito e subiscono violenza, oltre che a quella parte della società che prova a dare risposte a bisogni concreti. Ci aspettiamo di essere sostenute e non sgomberate».

Così in una nota la casa delle donne Lucha y Siesta, commentando la lettera della deputata Laura Boldrini alla Sindaca di Roma, Virginia Raggi.